E morì con un felafel in mano

”Ispirandosi all’omonimo romanzo di John Birmingham, il regista australiano Richard Lowenstein costruisce una storia a dir poco strampalata. Con dialoghi il più delle volte

e morì con un felafel in mano

farneticanti, in cui si mescola filosofia spicciola e anarchia verbale, Lowenstein racconta le ultime tre esperienze di coabitazione di Danny, aspirante scrittore e all’eterna ricerca di uno sconosciuto tassello mancante.
La vita caotica del protagonista prende avvio dalla 47a esperienza di convivenza con amici. In una Brisbane tropicale in cui si trascorre il tempo a discutere pigramente di argomenti totalmente privi di senso, lasciandosi vivere languidamente, Danny spera nella pubblicazione del suo romanzo pornografico, inviato a Penthouse per riuscire a pagare tutti gli affitti arretrati. Costretto a sfuggire alle minacce dei poco raccomandabili padroni di casa, Danny ripara a Melbourne. Nuovi inquilini in un appartamento caotico e fatiscente di una città in cui la pioggia costante esaspera l’atmosfera da incubo kafkiano, e dove la polizia ha la curiosa abitudine di sparare ed uccidere con straordinaria leggerezza.
Costretto a fuggire anche da Melbourne, Danny finisce a Sidney, individualista ed egoista capitale, surreale mélange di ambizione e bellezza, superficialità e corruzione.
Il viaggio di Danny non si limita al geografico spostamento, ma ad un intimo naufragio ed un successivo recupero di sé, passando, pur recalcitrante, attraverso un incubo di emozioni e inquietudini, per trovare infine la via della salvezza.

Interprete d’eccezione del personaggio di Danny è Noah Taylor, (Shine) moderno e sconcertante Buster Keaton che mescola con maestria tragedia melodrammatica a onesta sincerità. Il suo Danny è un cumulo di contraddizioni ma sempre credibile e a tratti esilarante. Gli ruotano attorno un consistente gruppo di attori, di scuola australiana (Emily Hamilton, Sam) o neozelandese (Ian Hughes, Iain) piuttosto che russa (Alex Menglet, Taylor). Prima fra tutti la francese Romane Bohringer, misteriosa ed intelligente Anya, dark lady che lascia poco spazio alle parola e di cui Danny sembra innamorarsi perdutamente: icona della straniera, seducente rappresentante di una terra esotica e lontana.

Un originale viaggio nella follia, attraverso una fauna di inafferrabili e stimolanti personaggi su un sottofondo musicale che ha il coraggio di avvicinare “la dolce vita” di Nino Rota a “California dreamer”, passando per la “Cavalcata delle Valchirie” di Wagner e “Ya ya ringe ringe raja” di Goran Bregovic.”

Fonte: filmup.leonardo.it

Titolo originale He Died with a Felafel in His Hand
Lingua originale inglese
Paese Australia, Italia
Anno 2001
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 16:9
Genere commedia
Regia Richard Lowenstein
Soggetto John Birmingham
Sceneggiatura Richard Lowenstein
Produttore Andrew McPhail, Domenico Procacci
Casa di produzione Fandango, Notorious Films Pty. Ltd.
Fotografia Andrew de Groot
Montaggio Richard Lowenstein
Effetti speciali Angelo Sahin
Scenografia Iain Aitkin
Costumi Meg Gordon
Trucco Rosalina Da Silva
Interpreti e personaggi
Premi


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...